Tutti i contenuti di DOpsItalia.com

Le pipeline YAML, come abbiamo avuto modo di capire dagli script e dagli articoli che abbiamo pubblicato su questo canale, ci offrono grandi vantaggi, sia in termini di riuso dei template per costruire pipeline più complesse mantenendo una certa organizzazione, sia in termini di ...

Kubernetes, il sistema più diffuso per quanto riguarda l'orchestrazione dei container, può essere usato non solo per caricare le nostre applicazioni, create come monoliti o basate sui più moderni micro-services, ma anche come agent per Azure DevOps per compilare il codice delle ...

In uno dei primissimi script di questo canale abbiamo visto come sia possibile disabilitare il clone del repository durante l'esecuzione di una pipeline YAML. Questa è un'attività che, infatti, viene eseguita di default da ogni "job" (ad esclusione dei deployment job). Al ...

Ogni pipeline che viene eseguita all'interno di Azure DevOps viene identificata da un numero univoco che la rappresenta e, solitamente, questo numero viene associato agli artifact pubblicati così da avere sempre un tracking completo end-to-end di tutto quello che viene usato nel ...

Completato il processo di build del codice e verificata la qualità degli artefatti prodotti in termini di sicurezza e standard come test e code coverage, dobbiamo pubblicare le modifiche in un ambiente per dare valore ai clienti utilizzatori del prodotto. Questa operazione di ...

Nel corso delle ultime settimane abbiamo visto come utilizzare i task di PowerShell (e di tutte le sue varianti) per eseguire determinati script su PowerShell Core, piuttosto che su Bash o varianti.Quello che abbiamo dato per scontato, però, è che lo script sia già scritto e reso...

Nello script precedente abbiamo visto quelle che sono alcune shortcut in YAML per richiamare script esistenti. Sebbene queste utility siano molto comode nella maggior parte degli scenari, può sempre succedere di dover applicare delle personalizzazioni: il task PowerShell è da ...